gennaio

Ha davvero senso parlare di censura di Twitter? Ci viene impedito di comunicare e un governo o società può fare oscurare quel che diciamo? In parte è vero, ma le stesse leggi che valgono nella vità reale valgono anche in una piattaforma espansa e in un information network come Twitter (leggi come il copyright per esempio).

Lo stesso Twitter fa notare che “lo scambio aperto di informazioni può avere un impatto globale positivo, quasi tutti i paesi del mondo sono d’accordo che la libertà di espressione è un diritto umano”. Quasi tutti, perché in alcuni paesi non c’è questo tipo di libertà, infatti in più di un’occasione il network si è visto oscurare. Ma non è l’unico, la Cina, l’Iran, il Pakistan e altri paesi musulmani hanno bloccato Facebook, a Cuba, in Iran, Sudan e Syria LinkedIn, mentre la Corea del Nord ha tolto solo l’anno scorso questa restrizione. Nel febbraio 2011 è stato bloccato anche in Cina poiché forniva un facile accesso a un altro social network già bloccato, ovvero Twitter. Quindi non lede così gravemente oscurare un tweet in un paese per poter lasciare attiva la struttura, e permette la diffusione nel resto del mondo.

Non si tratta quindi di oscurare un attivista tibetano o siriano per le dichiarazioni che fa (esempio) si tratta di permettere a tutti di dire quel che si desidera nel rispetto delle leggi del paese in cui si trova (già adesso è così). Quindi se viene violato il copyright è giusto oscurare quel tweet, o se in un paese non c’è libertà di stampa è giusto che al di fuori di quel paese una persona possa esprimersi liberamente. Questa è forse censura? Secondo me no. E’ ben più grave condividere senza informarsi, schierarsi senza conoscere, seguire le mode per comodità.

E’ un tema delicato dai contorni e contenuti di non facile chiarezza, per facilitare la comprensione potete trovare i tweet censurati su Chillingeffects.

Come rende noto Twitter in un aggiornamento, i tweet non saranno filtrati prima di essere pubblicati (irrealizzabile vista la quantità di contenuti prodotti), gli utenti del paese nel quale il tweet è censurato vedranno un avviso che identifica la censura.

account twitter trattenuto o censurato
tweet trattenuto o censurato

Non ho la presunzione di dire “le cose stanno così” ma è giusto fare un’attenta riflessione, perché troppe volte la rete parte in una direzione per partito preso, e in tema di privacy e censure è facile calcare la mano.

31/01/2012
Twitter e la censura

Twitter e la censura di contenuti

Ha davvero senso parlare di censura di Twitter? Ci viene impedito di comunicare e un governo o società può fare oscurare quel che diciamo? In parte […]
27/01/2012
Il momento migliore per twittare

Quando conviene postare sui social network

Quando conviene postare sui social network ad utenti che non siano semplici consumatori? Prendiamo ad esempio brand, aziende, piuttosto che organizzazioni. La risposta è semplice: in […]
23/01/2012
twitter media

Compagnie telefoniche e social network: analisi sull’utilizzo delle piattaforme

Sempre più aziende utilizzano almeno un canale dei social media e si affacciano con varie modalità sui social network, in primis Facebook e Twitter. Oggi voglio […]