LinkedIn potenzia la privacy permettendo di bloccare gli altri utenti

LinkedIn potenzia la privacy permettendo di bloccare gli altri utenti

LinkedIn potenzia la privacy degli utenti e la loro sicurezza permettendo di bloccare gli altri utenti. Finalmente è stata introdotta questa feature a lungo richiesta da molti utenti, e va a colmare un’inspiegabile lacuna per un social network che ha oltre 270 milioni di utenti.

All’interno del profilo utente cliccando sulla freccina si aprirà un menù a tendina e si potrà decidere se bloccare o segnalare l’utente. Il blocco impedisce ad entrambi gli utenti di vedere i reciproci profili, non ci si potrà più scambiare messaggi e non si sarà più in contatto. Inoltre verranno cancellati anche eventuali endorsements e raccommandazioni. La segnalazione invece un alert allo staff di LinkedIn che verificherà in modo autonomo eventuali abusi o comportamenti scorretti dell’utente.

nuovo blocco utente linkedin

Diversi mesi fa scrissi un post proprio sulla gestione della privacy su LinkedIn e le problematiche principali derivavano dalla impossibilità di segnalare un utente in modo semplice e veloce, e bloccare altri utenti su LinkedIn. Il blocco non era previsto mentre la segnalazione doveva essere fatta tramite un modulo di contatto. Finalmente tutte queste lacune sono state colmate e LinkedIn raggiunge un elevato grado di protezione per gli utenti, per le loro informazioni personali e per la protezione da abusi di terzi.

Le parole rilasciate da LinkedIn a seguito dell’introduzione di questa nuova feature sono significative: “l’opzione non è stata introdotta solo per i feedback ricevuti ma perché era la cosa giusta da fare”.

Questa nuova feature permetterà di diminuire i contenuti di spam, in particolare per i messaggi di posta, e gli spammer stessi.

diegofrancesco
diegofrancesco
Blogger, Web Consultant, Social Media and SEO/SEM Specialist. Google Partner per AdWords e Analytics. Creatore del Bologna city badge su Foursquare. Sviluppo siti web responsive ed e-commerce in Prestashop.

Lascia un commento