Banca Sella e l’home banking su Facebook: test d’uso

Banca Sella e l’home banking su Facebook: test d’uso

Banca Sella su Facebook

L’home banking arriva su Facebook e Banca Sella è la prima banca italiana a presentare un servizio del genere sui social network. Non potevo che testarlo! Ecco come funziona a livello teorico: Il servizio permette di consultare i movimenti dei conti e delle carte collegate al codice Cliente, al momento si possono effettuare ricerche sullo storico e tramite parole chiave.

Alla prima autenticazione, associata al proprio account Facebook, verrà richiesto di inserire il codice Cliente e il PIN (il codice numerico che appare sulla propria @pritisella) mentre per i successivi accessi sarà necessario digitare solo il PIN.

Banca Sella su Facebook

Tutto molto interessante, ma funziona? Ho tentato molte volte in diversi giorni ma l’app fallisce in continuazione e l’errore è sempre il medesimo: “There were too many redirects”. Peccato, l’idea è buona ma…dove sta il problema? Sembra paradossale ma a quanto pare, dopo diversi test, è risultato che l’app funziona solo tramite Internet Explorer!

Nb: L’azienda mi ha comunicato che il servizio è disponibile tramite tutti i browser ma con quale modalità non è dato al momento saperlo. A vedere i commenti sulla pagina Facebook rimane un problema che affligge tanti utenti.

Se riuscite a superare questo primo, grosso, ostacolo ecco la schermata di login che comparirà dopo aver accettato le condizioni del servizio:

login banca sella facebookUna volta eseguito l’accesso la navigazione risulta fluida e intuitiva. Certo la comodità dell’app per smartphone non è paragonabile, così come l’accesso all’home banking tramite browser e i servizi erogati, però Banca Sella si è sempre distinta per i servizi offerti al digitale quindi ben vengano iniziative come questa! Ma i problemi legati ai browser rischiano di vanificare tutto.

In ogni caso la domanda principale da porsi è la segunte: l’utente italiano medio di Facebook è davvero pronto per questo tipo di servizio? In molti ancora diffidono in generale della privacy su Facebook, e dopo l’acquisizione di Whatsapp si è riversato in rete il malumore per il proprio numero di telefono nelle mani di Zuckerberg (molto banalmente). L’insicurezza in questo caso è dovuta alla scarsa informazione. L’app di Banca Sella, così come molte altre, funziona esclusivamente con il protocollo https e si basa su un server con certificato SSL di sicurezza. Di fatti l’azienda specifica che l’accesso all’applicazione avviene in totale sicurezza perché i dati sono trattati dai sistemi del Gruppo Banca Sella e garantiscono un alto standard di protezione, così come avviene per il servizio di Internet e Mobile Banking. (fonte sella.it)

Banca Sella è attiva da diversi anni nel mondo digitale, in relazione ai social network su Facebook risulta essere una dei player che riesce a pubblicare i post più coinvolgenti, utilizzando la brand page soprattutto per promuovere iniziative commerciali ed offerte, alcune delle quali particolarmente apprezzate dagli utenti. Come evidenzia la ricerca di Blogmeter per il settore bancario su Facebook  meglio di lei sotto l’aspetto dell’engagement fa solo Banca Mediolanum.

Sono ben accette esperienze dirette con questa applicazione tramite Facebook!

diegofrancesco
diegofrancesco
Blogger, Web Consultant, Social Media and SEO/SEM Specialist. Google Partner per AdWords e Analytics. Creatore del Bologna city badge su Foursquare. Sviluppo siti web responsive ed e-commerce in Prestashop.

Lascia un commento