LinkedIn per il branding professionale: creare un’identità vincente

LinkedIn per il branding professionale: creare un’identità vincente

linkedin book

Linkedin connessioniIn un tempo in cui grazie a Google possiamo reperire informazioni su chiunque diventa importante curare la propria presenza online e il proprio branding professionale, in questo LinkedIn è una delle risorse più utili da sfruttare. I numeri sono dalla sua parte, ha superato i 300 milioni di utenti, è presente in 200 paesi e copre tutti i settori possibili, con IT, sanità ed edilizia tra i più rappresentanti. Grazie a LinkedIn possiamo mostrare il nostro curriculum sotto una forma diversa, più dinamica e arricchita di contenuti e testimonianze senza ammorbare il lettore con formati standard e precompilati.

Scopriamo dunque come sfruttare LinkedIn per il branding professionale personale e della nostra azienda. Prima di questo facciamo un passo indietro e partiamo dalla definizione di personal branding: Fare Personal Branding significa utilizzare le tecniche del Branding per le persone. In termini concreti significa impostare una strategia per individuare o definire i nostri punti di forza e comunicare in maniera efficace cosa sappiamo fare, come lo sappiamo fare e perché gli altri dovrebbero sceglierci. (L. Centenaro, Personal Branding, Hoepli)

Crea un profilo vincente

Per creare un profilo vincente bisogna prendere in considerazione diversi aspetti senza sottovalutare quelli più scontati, partiamo dalla foto profilo! La foto è il primo fattore che aiuta l’utente ad individuarci, deve essere professionale e trasmettere un messaggio positivo.

Alcuni esempi di foto profilo da evitare possono essere: teste tagliate, vestiti non adeguati, viso imbronciato, sfondi poco limpidi, e in particolare la corona d’alloro!

Il Sommario, o headline, è la prima cosa che gli utenti vedono quando compiono una ricerca o entrano in un profilo, dobbiamo quindi essere bravi a descrivere in modo chiaro e preciso la nostra posizione e il nostro ambito lavorativo in modo da attrarre l’attenzione. Una buona pratica è quella di evitare di inserire troppe posizioni e cariche lavorative nella headline, essendo un sommario avrebbe poco senso e se siamo come Luca Cordero di Montezemolo non c’è motivo di dilungarsi.

profilo linkedin

Sempre all’interno della sezione Sommario dobbiamo definire le nostre Informazioni di contatto e in particolare l’url personalizzato che dobbiamo scegliere in modo opportuno, come nome.cognome, e possibilmente seguendo una logica con gli altri url dei nostri social network. Creare un URL univoco aiuta sotto l’aspetto della SEO per il posizionamento sui motori di ricerca. Altre info che possiamo inserire sono: telefono, indirizzo, email, chat, siti web. Mostra il link al tuo sito web, al tuo blog e ai tuoi profili social!

Il Riepilogo è il posto dove possiamo dilungarci, rispetto all’headline, descrivendo chi siamo e che cosa facciamo. La sezione del riepilogo è la prima che gli utenti incontrano ed è fondamentale per mandare un messaggio chiaro e far capire di cosa ci occupiamo e qual è il nostro inquadramento nel settore di competenza. Utilizzare parole chiave specifiche per il proprio settore può essere un’ottima soluzione. Da diverso tempo si possono inserire contenuti multimediali come link e presentazioni per fornire contenuti grafici visivamente accattivanti e che indirizzino l’utente sui nostri lavori e progetti.

La sezione Esperienza si differenzia dal Riepilogo poiché è dedicata in modo specifico ad ogni posizione lavorativa ricoperta. Oltre al periodo, bisogna sempre specificare l’azienda in modo che se questa è presente su LinkedIn con una brand page sarà visualizzato il logo sul nostro profilo e compariremo nella sezione dipendenti nella brand page dell’azienda, con un aumento significativo della visibilità. Inoltre, conviene allegare contenuti multimediali sulla falsa riga di quanto fatto per la sezione Riepilogo in modo da mostrare risorse utili a chi visualizza il profilo. I contenuti multimediali sono fondamentali per mostrare creatività e per personalizzare il proprio profilo personale.

LinkedIn deve essere il nostro portfolio personale!

Linkedin Esperienza
La sezione Competenze permette di inserire le proprie aree di competenza, come l’uso di un programma specifico o la conoscenza di un linguaggio di programmazione, come mostrato nell’immagine seguente. Diventa opportuno inserirle in quanto i nostri collegamenti possono confermare le nostre competenze, quindi più conferme riceviamo e più visibilità otterremo.

skills linkedin
Oltre alla Competenze troviamo anche le Segnalazioni grazie alle quali clienti e partner possono lasciare una raccomandazione dando voce e credibilità al nostro operato. Le segnalazioni sono utili non solo per mostrare il lavoro svolto ma per attirare l’attenzione di potenziali clienti e avere una fonte verificabile di quanto si attesta sul profilo. Le segnalazioni non devono essere pilotate, non devono essere sviolinate smascherabili ma devono essere veritiere e spontanee, è sempre bene chiederle tramite l’apposita funzione di LinkedIn, che troviamo nel profilo, e mai tramite messaggio di posta.

Crea delle connessioni

Creare delle connessioni può avere molti significati, in primis collegarsi con altri utenti che si conoscono e con i quali si ha avuto un rapporto lavorativo o amichevole in modo da costruire una rete di collegamenti solida e utile. Io personalmente consiglio sempre di aggiungere persone che si conoscono, realmente o virtualmente, e non cercare di avere più collegamenti possibili perché non serve se non sono di qualità. Con questo non sto dicendo di non aggiungere collegamenti con i quali non si ha avuto un rapporto diretto, ma solo di non aggiungere chicchessia solo per mostrare molti collegamenti.

Una regola fondamentale è presentarsi sempre, e farlo con un messaggio personalizzato!

In secondo luogo si possono creare connessioni in modo indiretto con aziende, gruppi e influencers.

Creare una connessione con gruppi, aziende e istituzioni è semplice:

  • Segui gli influencers: Trova e segui gli influencers rilevanti per il tuo settore e per la tua persona in modo da interagire con i loro contenuti e con gli altri utenti interessati alla stessa tematica.
  • Unisciti ai gruppi: I gruppi con tematiche relative al proprio settore e al proprio lavoro sono un’ottima risorsa per ricevere aggiornamenti, condividere informazioni, stringere relazioni con altri utenti affini a noi. E’ buona pratica utilizzare i gruppi con senso logico e non a fini di spam, molti infatti hanno regole precise a riguardo.
  • Segui le aziende: Seguire le aziende ci permette di ricevere in timeline gli aggiornamenti pubblicati e le offerte di lavoro inserite, inoltre sulla brand page possiamo trovare i dipendenti presenti su LinkedIn, capire quali competenze possiedono.
  • Segui le pagine universitarie: Le pagine universitarie ti permettono di rimanere in contatto con la tua Università e ti permette di trovare ex studenti, inoltre permette di condividere contenuti utili e quindi di creare una connessione con tutti i followers dell’Università.

Diventa influencers

Diventa a tua volta un influencers, costruisci una fonte di contenuti intorno alla tua figura, condividi news e articoli inerenti il tuo lavoro che possano essere utili ai tuoi collegamenti e agli utenti del tuo settore. Posta per primo quando nei hai l’occasione e allo stesso tempo non aver paura di condividere e consigliare post altrui, anche di utenti che non segui direttamente.
Interagisci in una conversazione in modo da ricevere nuove informazioni, aiutare e creare nuove connessioni. Se un tuo lavoro è inerente ad una conversazione o argomento è l’occasione buona per condividerlo.

Chi ha visitato il tuo profilo

Controlla periodicamente chi ha visitato il tuo profilo, guarda il settore di provenienza e cerca l’azienda in cui lavora. Grazie agli ultimi aggiornamenti ora possiamo scoprire come ci hanno trovato grazie alle nuove statistiche. Utilizza queste informazioni per ottimizzare il tuo profilo!

Checklist

Questa serie di azioni possono aiutarti a seguire l’andamento del tuo profilo e a migliorarne le prestazioni.

  1. Giornalmente pubblica post di qualità con informazioni e approfondimenti nuovi, rimani aggiornato sugli ultimi aggiornamenti delle aziende e degli influencers.
  2. Settimanalmente connettiti con nuovi collegamenti all’interno della tua rete, partecipa alle conversazioni nei gruppi a cui sei iscritto, controlla chi guarda il tuo profilo.
  3. Mensilmente controlla il tuo profilo e aggiornalo con nuovi contenuti, ad esempio quelli multimediali, lascia delle raccomandazioni ai tuoi clienti e collaboratori e chiedi a tua volta a contatti potenzialmente interessati che ti siano lasciate.

Credit immagini: LinkedIn

diegofrancesco
diegofrancesco
Blogger, Web Consultant, Social Media and SEO/SEM Specialist. Google Partner per AdWords e Analytics. Creatore del Bologna city badge su Foursquare. Sviluppo siti web responsive ed e-commerce in Prestashop.

Lascia un commento